Loading...
Acquista on line

Premi e manifestazioni

e1

Montecarlo – Principato di Monaco Premio “Professionalita’ Italiana nel mondo”

La serata di Gala organizzata per il 15° anniversario de “Il foglio Italiano”, la rivista degli italiani all’estero, e messa in atto, nel Principato di Monaco, non poteva essere che un grande successo.

Continua a leggere ...

Il Patron Ilio Masprone, per una “Serata Italiana” veramente d’eccellenza, ha messo a segno un’organizzazione professionalmente di alto livello, sia per la presenza di molti illustri ospiti italiani e monegaschi, sia per la partecipazione dei premiati che hanno contribuito a dare grande prestigio all’evento.

Per la realizzazione dei premi è stato chiamato il maestro orafo Michele Affidato che per l’occasione ha predisposto un bassorilievo in argento, sbalzato a mano, raffigurante lo stemma del Principato di Monaco.
La manifestazione di premiazione, svoltasi nell’ambito del gran galà nella “Salle Empire” del sontuoso Hotel de Paris, ha visto alternarsi, come insigniti del Premio Montecarlo, il Conte Niccolò Caissotti di Chiusano, presidente del Comitato degli Italiani all’estero, premiato dal dott. Antonio Morabito, Ambasciatore d’Italia nel Principato; gli imprenditori: Maria Rosa Ceccon e Gian Piero Mazzetti fondatori della Farmen spa, premiati da S.E. Henry Fissore, Ministro  Plenipotenziario di Monaco; l’italo-egiziana Nair la quale, ha ritirato il riconoscimento per la categoria “Rivelazione Artistica Internazionale”, e l’attore Remo Girone per la categoria “Artista Internazionale”, premiato dal Presidente del Parlamento Nazionale monegasco, M. Jean Francois Rubillon.
Non era presente alla premiazione Augusto Minzolini, direttore del TG 1, costretto a restare al suo posto in redazione per seguire di persona il delicato e particolare momento della guerra in Libia che sta fortemente impegnando la comunicazione mondiale.
Oltre agli illustri premiati erano presenti in sala M. Laurent Anselmi del Dipartimento degli Ordini Cavallereschi di SAS, il produttore cinematografico Angelo Bassi, Donna Fernanda Casiraghi (nonna dei figlioli della principessa Carolina), Gian Paolo Bernini, direttore della Banque Edmond de Rothschild, gli industriali Giorgio Colombo e Riccardo De Caria, l’inviato Speciale di “Striscia la Notizia” Moreno Morello,  e la giovane promessa del cinema italiano, la bellissima Tatiana Luter.
Grande apprezzamento per le opere date in premio è stato espresso dall’Ambasciatore Antonio Morabito, il quale ha colto l’occasione  per rivolgere parole di elogio nei confronti dell’orafo Michele Affidato

Campidoglio, Premio “ Venere Capitolina”

ROMA. Prima edizione del “Premio Venere Capitolina”. Nella Sala Pietro da Cortona, in Campidoglio, presso i Musei Capitolini, sono state premiate le eccellenze femminili italiane che

Continua a leggere ...

 si sono rese protagoniste di merito e talento, ognuna nel suo campo. Per questo importante evento nella Capitale è stato scelto dall’organizzazione il maestro orafo Michele Affidato, per la realizzazione dei prestigiosi premi. L’orafo crotonese, a cui sono stati commissionati i riconoscimenti, ha creato dei bassorilievi in argento sbalzati interamente a mano, raffiguranti la Dea Venere e la facciata del Campidoglio. A ricevere il premio: la  regista Lina Wertmuller (Donna come Cinema), la conduttrice televisiva Mara Venier (Donna come TV), la conduttrice radiotelevisiva Enrica Bonaccorti (Donna come Radio), Lavinia Biagiotti, (Donna come Moda), Patrizia Mirigliani, Patron del Concorso Nazionale Miss Italia (Donna come Bellezza), Mary Garrett,  Ballerina del Teatro alla Scala di Milano (Donna come Salute), Elena Bonelli,  (Donna come Voce), Laura Comi, Direttrice della Scuola di Danza del Teatro dell’Opera di Roma (Donna come Danza), Maria Rita Parsi, (Donna come Psiche), la Regista Rossella Izzo (Donna come Regia), Patrizia de Rose, Capo del Dipartimento per le Pari Opportunità alla Presidenza del Consiglio dei Ministri (Donna come Parità), Cristiana Paoletti del Melle, (Donna come Medicina),  Daniela Amadei, (Donna come Gastronomia),  On. Lella Golfo, (Donna come Politica), Maria Rizzotti, (Donna come Estetica), Maria Rosaria Gianni, Capo-Redattore TG1-Cultura (Donna come Giornalismo), Ludovica Rossi Purini, (Donna come Musica), Tiziana Luxardo, Fotografa, (Donna come Immagine), Marilù Simoneschi, Giornalista, (Donna come Penna). Sono state premiate inoltre: Anna Maria Ciuffa, Antonella Magagnini, Paola Mainetti e Josette Sheeran. Nel corso della manifestazione l’arte di Michele Affidato è stata più volte elogiata con parole di stima e di apprezzamento, il cui valore è stato ribadito anche dall’On. Domenico Naccari. La manifestazione è stata ideata dall’Associazione Universo Femminile con il patrocinio del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Nell’evento presentato da Livia Azzariti sono seguiti gli interventi del Consigliere delegato alle Comunità Regionali Domenico Naccari, della Presidente di Universo femminile Valeria Mangani, della Presidente Commissione Nazionale patrimonio Artistico Antonella Freno. A consegnare il premio alle signore, tra gli altri, Santo Versace, l’Ambasciatore D’Austria Christian BerlaKovits, l’Ambasciatore di Thailandia Somsakdi Suriawongse e gli attori Antonio Tallura e Vincenzo Bocciarelli. Tra i vari ospiti in sala, era presente anche l’onorevole Pino Galati. Particolare attenzione ha suscitato il momento della premiazione di Mariafrancesca Garritano, in arte Mary Garret, la ballerina licenziata dal Teatro alla Scala di Milano dopo le sue dirompenti denunce sull’anoressia. “L’evento” – spiega Valeria Mangani – “intende promuovere una nuova cultura della vita, della salute e del benessere, proponendo l’adesione al manifesto della bellezza intesa come espressione di qualità della vita attraverso la prevenzione, la tutela e la salvaguardia della salute. L’iniziativa, diretta a tutte le donne, si pone l’obiettivo di affermare i nuovi canoni della bellezza intesa come espressione di salute e tutela e prevenzione delle patologie. “Arte e cultura sono le coordinate della kermesse” – afferma Antonella Freno – “Una manifestazione istituita in omaggio alla splendida scultura marmorea della Dea Venere custodita ai Musei capitolini quale icona del Premio Nazionale che richiama il valore dell’impegno, della sensibilità e del talento, elementi fondamentali di una storia declinata al femminile”. “Questa occasione” conclude Domenico Naccari – “è diretta al riconoscimento del merito che caratterizza da sempre l’apporto della donna ad ogni settore della vita sociale e professionale. Abbiamo voluto richiamare le donne che con il loro impegno hanno costruito occasioni straordinarie, dando alle professioni valore ed umanità”.

L’arte di Affidato premia Ennio Morricone al Premio internazionale “Sonora, una Musica per il Cinema”

E’ stato Michele Affidato ad avere l’onore di premiare personalmente il maestro Ennio Morricone nell’ambito della quinta edizione del “Premio Internazionale Sonora, una Musica per il Cinema”

Continua a leggere ...

la cui cerimonia di consegna si è svolta lo scorso 23 ottobre al Teatro Argentina di Roma, condotta dalla giornalista del Tg1 Barbara Capponi.
La manifestazione, organizzata dall’Accademia Italiana Grandi Eventi, sotto la direzione artistica di Giuseppe Papasso, si è avvalsa del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, della Regione Lazio, del Comune di Roma, della Rai, della Siae e della Casa dell’Architettura.
La creazione di Affidato, costituita da un bassorilievo in argento e foglia d’oro su base di cristallo, raffigurante tre note musicali su una pellicola cinematografica, è andata al maestro Morricone, cui è andato anche il premio alla carriera della Presidenza della Repubblica, ed ai vincitori delle varie sezioni del premio: Premio Sonora a Pivio e Aldo De Scalzi per “Song e Napule”; Premio miglior colonna sonora per la web serie “Una mamma imperfetta” a Paolo Buonvino; Premio Harry Warren riservato ai compositori stranieri, per “Locke” a Dickon Hinchliffe; Miglior canzone originale, “Io non ho finito”, “Braccialetti rossi” a Niccolò Agliardi; Premio speciale alla Cineteca di Bologna; Premio Speciale SIAE per Sonora e Premio Musica&Cinema a Gaetano Curreri; Premio miglior colonna sonora giovani autori per “Oggetti smarriti” a Franco Eco, a Giampaolo Speziale per la serie “Low Budget”; Premio Miglior commento per il documentario “Per non morire dentro” ad Andrea Terrinoni; Premio training per il corto “Amalia” a Stefano Tomaselli; Premio Miglior colonna sonora di fiction a Paolo Vivaldi per “Adriano Olivetti. La forza di un sogno”.
Presidente di giuria è stato il maestro Fabio Liberatori, compositore, arrangiatore, pianista, produttore ed autore di numerose colonne sonore di documentari e film, per i quali ha anche ottenuto premi prestigiosi come il David di Donatello ed il Nastro d’Argento.
In occasione dei 100 anni dal debutto di Charlot, il Progetto Sonora, nell’ambito del Premio internazionale “Sonora, una Musica per il Cinema”, ha reso omaggio a Charlie Chaplin con una mostra esclusiva dedicata a “Chaplin Compositore” presso la Casa dell’Architettura, Sala Centrale dell’Acquario romano.
Alla manifestazione ha partecipato Anna Falchi, amica e già testimonial dei gioielli Affidato, che ha voluto condividere con lui questo evento, premiando Gaetano Curreri degli Stadio.
Affidato commenta: “Avere l’onore di realizzare prestigiosi premi per manifestazioni come questa e di premiare personalmente grandi nomi come il maestro Ennio Morricone è per me motivo, non solo di grande emozione ed orgoglio, ma anche di consapevolezza di portare avanti progetti che si legano ad eventi internazionali. E’ questa per me ed i miei collaboratori la più grande soddisfazione: essere apprezzati in eventi così importanti ed esserci arrivato grazie a tanti sacrifici e passione per il mio lavoro”.
Il più imminente, tra i tanti futuri eventi nei quali Affidato è coinvolto con la sua arte orafa è la decima edizione de “Nella Memoria di Giovanni Paolo II” che il prossimo 4 novembre si svolgerà a Napoli presso l’Istituto di detenzione minorile di Nisida.

minisep

L’arte di Michele Affidato a Bruxelles

Si è svolta presso la sede di Bruxelles del Parlamento Europeo una mostra archeologica organizzata dalla Società “Progetto Magna Grecia”, in house alla Regione Calabria e dalla Direzione Regionale Soprintendenza

Continua a leggere ...

Beni Archeologici della Calabria. In esposizione sette tesori del patrimonio archeologico europeo, tra i maggiori reperti dall’arte Magno Greca calabra: a rievocare storia e splendore delle colonie Magno Greche, sono arrivati infatti a Bruxelles la Testa del Filosofo, il Kouros di Reggio, il Dioscuro di Locri, il Toro Cozzante di Sibari, la Stele marmorea di Crotone, l’Elmo Corinzio di Vibo Valentia e il Cratere con scene di caccia di Gioia Tauro. Insieme ai sette pezzi del patrimonio archeologico regionale, il 13 ed il 14 novembre scorsi, hanno trovato spazio nella mostra del Parlamento Europeo anche le eccellenze del settore agroalimentare, artigianato e manifatturiero della Calabria di oggi. “Alle radici dell’Europa. Progetto Magna Graecia, un grande passo davanti a noi”, era il titolo dell’iniziativa organizzata dalla Società “Progetto Magna Graecia”, presieduta dall’eurodeputato Pino Arlacchi e diretta da Antonella Freno che hanno scelto l’arte orafa di Michele Affidato quale simbolo della Calabria che produce e si fa apprezzare nel mondo. L’orafo crotonese ha quindi preso parte alla due giorni belga per portare la sua testimonianza di artigiano ed artista che trae costante ispirazione dalle radici magno greche della sua Crotone nell’esercitare un’arte antica, elaborata con sensibilità moderna, tenendo bene in mente insegnamenti e tradizioni lontane di secoli, arricchite da esperienze personali. Così Michele Affidato ha definito la sua attività: “E’ su questo legame tra antico e moderno, tra artigianato tradizionale e nuove interpretazioni, che ho incentrato la mia arte che viene esercitata in un processo creativo, con il quale coniugando storia e attualità si realizzano gioielli in cui l’antica tradizione magno-greca si sposa a linee più moderne”. “Sono fiero ed orgoglioso – ha aggiunto l’orafo crotonese – di essere calabrese, una terra in cui da sempre si sono contraddistinti uomini di cultura, artisti ed artigiani che ispirandosi alle proprie origini hanno realizzato creazioni eccezionali. L’augurio per noi tutti è che iniziative come questa possano continuare a dare lustro alla nostra amata terra e concorrere comunque alla realizzazione di un più ambizioso progetto che è quello di una Europa unita che sia luogo comune di prospettiva per tutte le nazioni che vi concorrono”. “Esprimo tutta la mia gratitudine alla Regione Calabria agli organizzatori di questo evento ed in particolare agli onorevoli Pino Arlacchi e Antonella Freno che mi hanno permesso di essere qui presente, quale portatore di un messaggio artistico culturale che partendo dalle proprie radici si proietta in una prospettiva di sviluppo e di sempre nuovi e maggiori orizzonti”, ha concluso Michele Affidato che al termine del suo discorso a Bruxelles, ha offerto al padrone di casa, l’europarlamentare Pino Arlacchi, una scultura in argento raffigurante la colonna di Capocolonna. Arlacchi nel suo intervento ha invece sottolineato che per offrire un racconto normale della Calabria occorre combattere luoghi comuni e pregiudizi, illustrandone le positività, valorizzandone le eccellenze e le esperienze virtuose, e trasferendo cultura e tradizioni anche oltre i confini della Regione, e coinvolgendo le nuove generazioni. “Parlare di una Calabria normale – ha dichiarato Arlacchi – significa partire dal riconoscerne in pieno limiti e difetti, ascoltando allo stesso tempo i segnali di risveglio che sono molti incoraggianti. Occorre mettere da parte ogni forma di vittimismo e combattere la cattiva abitudine del lamento. In Calabria si incrociano ogni giorno storie di cittadini, imprenditori e politici che dimostrano nei fatti come sia possibile lavorare con efficienza e onestà, realizzando ottimi risultati”. “La nostra regione sta vivendo un periodo di crisi  molto forte, una crisi globalizzata che però da noi si sente di più. Abbiamo bisogno di trovare indirizzi di progressione e credo che quello artistico possa essere un veicolo per combattere questa crisi”, è la riflessione di Michele Affidato che aggiunge: “In Calabria ci sono tanti artisti eccezionali che ognuno nel proprio settore con l’aiuto delle nostre istituzioni potrebbe trovare nuovi mercati che ancora esistono in giro per il mondo”. Al convegno ospitato dalla sede del Parlamento Europeo di Bruxelles erano presenti, oltre agli onorevoli Arlacchi e Freno, la Soprintendente per i Beni Archeologici della Calabria, Simonetta Bonomi, Francesco Prosperetti Direttore Generale Regionale per il Ministero dei beni culturali, l’assessore regionale ai Programmi speciali Ue Luigi Fedele, il responsabile Ansa Calabria Filippo Veltri,  Gucci,  Macri,  Manfredi, Gregorio Corigliano ed il presidente dell’Ordine dei Giornalisti Giuseppe Soluri.

Discorso integrale di Michele Affidato

Egregio  On. Pino Arlacchi, On. Antonella Freno, onorevoli autorità, voi tutti presenti. Desidero esprimere innanzitutto il mio compiacimento per questa iniziativa e mi sento onorato di prendere parte ad un evento cosi importante che mette in risalto la nostra storia e la nostra cultura. Trovo interessante e produttiva l’attenzione che le nostre istituzioni hanno dato a questa manifestazione, che oltre a mettere in evidenza le nostre radici, permette agli imprenditori ed artisti calabresi di farsi conoscere, promuovendo i loro prodotti e dando loro la possibilità di affacciarsi a nuove frontiere. Riscoprire quelle che sono le nostre origini  è sempre stato per me un forte punto d’ispirazione per le mie creazioni. A tal proposito desidero sottolineare come numerose siano state le culture e le tradizioni della storia del mondo, che hanno caratterizzato i vari popoli, mentre poche sono quelle che pur essendo state grandi nel passato possono oggi essere considerate di attualità e di grandi prospettive. Basti pensare agli Egizi, agli Assiri, ai Babilonesi, ai Maia, agli Aztechi, ai Sumèri ed altri, i cui canoni culturali non sarebbero oggi proponibili in chiave moderna, mentre dell’epoca splendida della Magna Grecia, si può affermare senza ombra di smentita come i suoi canoni ed i suoi insegnamenti siano di una attualità straordinaria: per fare un riferimento alla mia città, l’antica Kroton, che fu capitale della Magna Grecia in cui  fiorirono e si svilupparono le tre più grandi scuole di pensiero e di azione dell’antichità:- la suola filosofica di Pitagora,- la scuola medica di Alcmeone e – la scuola atletica di Milone, scuole dove si insegnava come vivere, il rispetto della natura, dove si parlava del concetto di armonia  quale equilibrio tra corpo e mente, dove si intuì che il cervello era il centro motore dell’uomo, dove la cura del corpo si effettuava in simbiosi con la natura e l’ambiente, entrambi presupposti del benessere, dove per restare nel campo in cui opero, quello orafo, il gioiello non era considerato un semplice orpello, bensì un segno distintivo di religione, di casta, di ceto, e di stato sociale, intriso di significati e di messaggi culturali notevoli.
Quella che io esercito è un’arte antica, elaborata con sensibilità moderna, tenendo bene in mente insegnamenti e tradizioni lontane di secoli, arricchite da esperienze personali. E’ su questo legame tra antico e moderno, tra artigianato tradizionale e nuove interpretazioni, che ho incentrato la mia arte che viene esercitata in un processo creativo, con il quale coniugando storia e attualità si realizzano gioielli in cui l’antica tradizione Magno-Greca si coniuga a linee più moderne. Sono fiero ed orgoglioso di essere calabrese, una terra in cui da sempre si sono contraddistinti uomini di cultura, artisti ed artigiani che ispirandosi alle proprie origini hanno realizzato creazioni eccezionali. L’augurio per noi tutti è che iniziative come queste possano continuare a dare lustro alla nostra amata terra e concorrere comunque alla realizzazione di un più ambizioso progetto che è quello di una Europa unita che sia luogo comune di prospettiva per tutte le nazioni che vi concorrono. A conclusione di questo mio intervento esprimo tutta la mia gratitudine alla Regione Calabria agli organizzatori di questo evento ed in particolare agli onorevoli  Pino Arlacchi e Antonella Freno che mi hanno permesso di essere qui presente, quale portatore di un messaggio artistico culturale che partendo dalle proprie radici si proietta in una prospettiva di sviluppo e di sempre nuovi e maggiori orizzonti.

Michele Affidato
Orafo in Crotone

Premio Letterario Caccuri 2013

Premiati con la Torre d’Argento, Mogol, Carmen Lasorella, Gennaro Napoletano, Oliverio Beha, Luisella Costamagna e Paolo Guzzanti.

Continua a leggere ...

Grandi nomi del giornalismo italiano hanno preso parte, alla terza edizione del Premio letterario Caccuri, svoltosi nel suggestivo sagrato della Chiesa della Riforma, ed impreziosito dalle opere del maestro orafo crotonese Michele Affidato. E’ sua, infatti, la “Torre d’Argento”, ispirata alla torre del Castello di Caccuri, con cui sono stati premiati i vincitori. Vincitore assoluto del premio Caccuri è stato proclamato Roberto Napoletano, direttore del Sole24Ore per il suo “Promemoria italiano”, edito da Rizzoli. A pari merito si sono piazzati gli altri due finalisti Luisella Costamagna, con “Noi che costruiamo gli uomini” (Mondadori), e Oliviero Beha,  con “Il culo e lo stivale” (Chiarelettere). Grandi nomi del panorama giornalistico e culturale italiano hanno preso  parte all’evento voluto fortemente dagli organizzatori Adolfo Barone, Roberto De Candia e Olimpio Tallarico. La prima serata è stata aperta dal professor Antonio Ereditato, direttore del Dipartimento di fisica dell’Albert Einstein Center di Berna. Subito  è stata la volta di Carmine Abate, autore de “La collina del vento” e Premio Campiello ancora in carica, a cui è andato il riconoscimento di Affidato “Premio Caccuri per la narrativa”. Altrettanto accattivante il dialogo tra l’economista Gianfranco Viesti, ed il giornalista Pino Aprile in veste di intervistatore. Il Premio è entrato nel vivo nella serata del 10 agosto, con un serrato dialogo dei finalisti con Carmen Lasorella, presidente Rainet. Nel corso della serata è stato inoltre conferito un premio speciale per il giornalismo a memoria di  Alessandro Salem. La “Torre d’Argento” per la musica e la letteratura è stata infine assegnata a Mogol, personaggio che ha scritto le pagine più belle della musica italiana e che ha presentato a Caccuri il suo libro “Ciliegie e amarene”. E’ stata poi la volta di un altro volto notissimo del giornalismo: Paolo Guzzanti, premiato con un bassorilievo in argento, opera di Affidato. “Il Premio letterario Caccuri, giunto alla terza edizione, rappresenta uno degli appuntamenti culturali più prestigiosi dell’estate calabrese e merita grande attenzione – commenta Affidato – per questo sono orgoglioso di prendervi parte con la mia arte. Ringrazio – prosegue l’orafo crotonese – gli organizzatori Adolfo Barone, Roberto De Candia e Olimpio Tallarico nei quali, pur vivendo ormai fuori dal nostro territorio, è rimasto forte il legame con questa terra: con grandi sforzi hanno deciso di sostenerla regalandole questo prestigioso premio che in questi anni ha visto arrivare a Caccuri eccellenti personaggi della letteratura italiana”.

Premio “World of Fashion” 2014 – Premio ad Anita Pesce, Awtif Alhai, Thomas Hodges, Azzurra De Lorenzo

Si è svolta nel lussuoso St Regis di Roma la dodicesima edizione del “World of Fashion”, evento ideato e diretto da Nino Graziano Luca con l’obiettivo di far dialogare le culture di tutto il mondo

Continua a leggere ...

attraverso i linguaggi della poesia, della moda e delle arti. Evento inserito nel calendario di Altaroma che ormai da diversi anni, riscuote grande successo per la presenza di grandi stilisti provenienti da tutto il mondo. Tra i presenti all’evento anche l’orafo Michele affidato che da diversi anni realizza i premi per il World Fashion e lo chef Ercole Villirillo che ha dato il benvenuto ai prestigiosi ospiti con un aperitivo  di delizie di mare  accompagnato dalla bevanda Re Drink e da vini locali calabresi. I tanti ospiti presenti alla ricca serata di moda hanno avuto modo di assistere, tra le altre, alla sfilata della stilista cipriota Afroditi Hera che ha presentato le sue collezioni, in vendita nelle più prestigiose boutique internazionali. I premi realizzati dal maestro Affidato sono andati, tra gli altri, alla stilista taliana Anita Pesce, premiata dalla protagonista della fortunata serie di Rai Uno “Tutti pazzi per amore” Irene Ferri e dall’ambasciatore d’Austria Christian Berlakovits; alla stilista colombiana Lisbeth Camargo, grande talento proveniente dal Kuwait; ad Awatif Alhai, che da circa 25 anni è uno dei marchi di haute couture più acclamati negli stati del Golfo ed in alcuni paesi del Medio Oriente, che ha ricevuto il premio dall’ambasciatore del Kuwait Sheikh Ali Khaled Al Sabah e dalla redattrice della rivista “Collezioni” Barbara Pasquini. Tra gli altri premiati, l’artista e fotografo inglese Thomas Hodges, autore dell’opera “Nishikigoi” utilizzata come scenografia dell’evento, che ha ricevuto il premio dall’ambasciatore della Repubblica di Indonesia August Parengkuan e dall’ex vice direttore di Raidue e Rai Internazionale Gianstefano Spoto. A concludere la serata Azzurra Di Lorenzo che ha rappresentato il made in Italy. A farle da testimonial sono state Daniela Fazzolari, nota al pubblico nei panni di Diana Ferri in “Centrovetrine”, e Claudia Coli, celebre attrice di teatro. A premiare la stilista con il premio dell’orafo crotonese sono stati invece Gaia Maschi Verdi, pronipote di Giuseppe Verdi, e lo stesso  HYPERLINK “http://www.micheleaffidato.it/” \t “_blank” Michele Affidato. Anche la brava e giovane stilista casertana Roberta Ortolano ha realizzato un particolare abito molto apprezzato per la sua originalità. Un abito che ha avuto modo di essere apprezzato in vari momenti della serata  accompagnato da uno splendido gioiello con topazi azzurri realizzato dal Maestro Michele Affidato. Oltre alle personalità intervenute alla manifestazione per consegnare i prime realizzati dall’orafo crotonese, erano numerosi i personaggi noti nel parterre: Gianstefano Spoto, già vice direttore di Raidue e Rai Internazionale; la conduttrice ed attrice Maria Monsé; il cantante Massimo Di Cataldo; la principessa Irma Capece Minutolo; il principe Olivier Doria; il marchese Paolo Rutili; il direttore di Rai Radio 1 Musica Gian Maurizio Foderaro; i giornalisti di Rai Radio 1 Tiziana Ribichesu e Marco Sabene; l’inviata del TG1 Marina Nalesso; le conduttrici di Rai news 24 Josephine Alessio e Cristina d’Arcangelo; l’annunciatrice di Raitre Dalila Pasquariello; la giornalista di Gold TV Maria Grazia Tetti; la marchesa d’Aragona Sultan Alsuwaidi, la vincitrice di Ballando con le Stelle 2012 Anastasia Kuzmina e Antonino Lazzarino De Lorenzo. Terminato l’appuntamento del “World of fashion” l’orafo Michele Affidato sta ultimando i premi per l’imminente Festival di Sanremo e che prossimante presenterà alla stampa.

minisep

 Montecarlo “Forum del Made in Italy” – L’arte di Affidato tra le Eccellenze Italiane a Montecarlo

L’orafo crotonese Michele Affidato è stato, tra i protagonisti del “Forum Internazionale del Made in Italy”, organizzato a Monaco dall’ambasciatore d’Italia nel Principato di Monaco Antonio Morabito.

Continua a leggere ...

Un importante riconoscimento per l’azienda del maestro orafo crotonese che ha rappresentato al Forum di  Montecarlo una delle eccellenze italiane. Hanno portato il loro contributo al forum, che si è tenuto nel centro congressi di Monaco con lo slogan “Sua Eccellenza Italia”, illustri docenti universitari e manager d’impresa, tra cui l’economista Marco Fortis, vice presidente della Fondazione Edison.Per l’occasione Michele Affidato, in collaborazione con l’ambasciatore Morabito, ha realizzato dei bassorilievi in argento raffiguranti il logo della manifestazione e destinati al Principe Alberto di Monaco ed al primo ministro del Principato di Monaco Michael Roger. A rappresentare a Montecarlo l’orafo crotonese, impossibilitato a presenziare per cause di forza maggiore, il figlio Antonio Affidato che durante la serata ha personalmente premiato il primo ministro Michel Roger. Michele Affidato non è nuovo a Montecarlo: in occasione dei festeggiamenti del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, l’orafo crotonese aveva incontrato il Principe Alberto ed aveva realizzato per lui, in collaborazione con l’ambasciata italiana a Monaco, dei polsini in oro e diamanti. Nel 2011 e nel 2012, Affidato è stato inoltre l’autore dei premi per l’evento “Premio Professionalità Italiana” di Montecarlo. “Sono sempre onorato di essere invitato e partecipare a questi importanti eventi. Nel mio piccolo mi impegno quotidianamente affinchè possa al meglio rappresentare il mio lavoro – commenta Affidato a margine dell’iniziativa – Sono traguardi che personalmente vivo con la consapevolezza che in un periodo così difficile bisogna impegnarsi ancora di più e soprattutto non demoralizzarsi ma puntare a nuovi mercati. Bisogna creare e proporre innovazione. Ovviamente bisogna fare sacrifici, lavorare e guardare avanti”.

Premio “Nella Memoria di Giovanni Paolo II”. Premiati Beppe Fiorello, Ron e Mara Sant’Angelo

Erano del maestro orafo Michele Affidato i riconoscimenti consegnati lo scorso sabato 21 settembre nell’ambito dell’ottava edizione del premio “Nella memoria di Giovanni Paolo II”, ospitato dall’Istituto penale per minorenni

Continua a leggere ...

“Malaspina” di Palermo. Realizzato con la collaborazione del Ministero della Giustizia – Dipartimento Giustizia minorile, della Conferenza episcopale italiana, dell’Arcidiocesi di Palermo, del Comune di Palermo e della Regione Sicilia. L’evento è stato ideato da Domenico Gareri e condotto dalla nota giornalista Lorena Bianchetti e lo stesso Gareri. Le porte dell’istituto penale per minori si sono spalancate, per celebrare la memoria di Giovanni Paolo II, oltre che ai giovani detenuti, a diversamente abili e ragazzi che vivono in situazioni di disagio, quei ragazzi tanto amati dall’indimenticabile Karol Wojtyla. La serata è stata arricchita da performance artistiche, contributi video e testimonianze di noti personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo e di rappresentanti delle istituzioni.
Per l’occasione Michele Affidato ha realizzato a mano un bassorilievo a sbalzo dipinto con smalti a fuoco. Il compito di selezionare i vincitori dei premi è spettato alla giuria, presieduta dal costituzionalista Luigi Ventura e formata dal conduttore Rai Daniele Piombi, dall’autore televisivo Stefano Santucci, da don Francesco Cristofaro teologo e dal Vescovo ausiliario di Palermo Mons. Carmelo Cuttitta. L’opera realizzata dall’orafo crotonese raffigura il Santo Padre  che con la mano alzata invita l’uomo ad aprire il proprio cuore a Dio. La figura del Pontefice immersa nel mare vuole significare l’umanità le cui acque lambiscono tutti i confini della terra e alle cui spalle si staglia un arcobaleno simbolo dell’instancabile pellegrino di pace. Questa l’immagine cui si è ispirato Affidato per la realizzazione dell’opera dedicata a Giovanni Paolo II, a cui lo lega il ricordo non solo di un grande Pontefice ma anche il ricordo dei diversi incontri avuti in Vaticano. I premi sono stati consegnati, tra l’altro, a Ron che nel pomeriggio ha incontrato i ragazzi del Malaspina, a Beppe Fiorello, premiato dal Cardinale di Palermo Paolo Romeo, alla ex campionessa di tennis Mara Santangelo, alla città di Lampedusa esempio di amore, carità e accoglienza e candidata al premio Nobel, a Gloria Ramos, madre di Cristian, giovane con la sindrome di Down nato a Roma che ha ottenuto la cittadinanza italiana grazie al diretto interessamento del Ministro Cancellieri e dal Presidente della Repubblica Napolitano. Nel corso della serata sono intervenuti con le loro testimonianze Giuseppe Petrucci, presidente dell’Ente nazionale sordi, Vittorio Cannata, consigliere nazionale dell’Associazione italiana persone Down e Tommaso Daniele, presidente nazionale dell’Unione italiana dei cechi. Alla presenza del Capo del Dipartimento Giustizia minorile Caterina Chinnici, il direttore dell’Istituto “Malaspina” Michelangelo Capitano ha ricevuto dal Vicario del Prefetto di Palermo Mara Tersa Cucinotta la medaglia del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Anche Papa Francesco ha inviato un affettuoso messaggio di speranza per i ragazzi detenuti del Malaspina e diversamente abili  che sono stati i veri protagonisti dell’evento.

Premio a Michele Torpedie e il Volo “Presentazione Premio Letterario Caccuri 2013

Il trio composto dai giovani Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble, ed il produttore discografico Michele Torpedine sono stati premiati con premi creati da Affidato in occasione  della conferenza stampa

Continua a leggere ...

di presentazione del Premio Letterario Caccuri 2013. Stanno conquistando le platee di tutto il mondo con il loro talento e le loro indiscusse capacità vocali, i tre giovani cantanti che compongono “Il Volo”. Dopo essersi esibiti nei migliori teatri del mondo, per ultimo il Madison Square Garden. Il trio, si prepara per il prossimo tour che toccherà anche Vancouver, Los Angeles, Detroit, Chicago. Ad accompagnarli a Crotone per far visita all’amico Michele Affidato e poi a Caccuri per il premio, c’era anche il loro menager Michele Torpedine che, dopo aver curato gli interessi musicali di Zucchero, Andrea Bocelli, Lucio Dalla, Giorgia, attualmente è il produttore e discografico di Eros Ramazzotti e, appunto, “Il Volo”. Il Volo e Torpedine sono stati premiati con  la seguente motivazione:  “Il Volo” “per i  successi mondiali” e Michele Torpedine  “il produttore italiano che ha venduto più dischi nel mondo”.

minisep

IV Meeting Nazionale di Nuoto – Premio a Federica Pellegrini

In occasione del IV Meeting di Nuoto  svoltasi a Lamezia Terme il Maestro orafo Michele Affidato in collaborazione con l’organizzatore dell’evento ha realizzato per la campionessa di nuoto Federica Pellegrini

Continua a leggere ...

un gioiello della sua ultima collezione linea “Teorema” che personalmente in conferenza stampa ha consegnato come dono di benvenuto all’evento.

Burano (VE) Giornata Nazionale “Atleti Olimpici Azzurri D’Italia”

L’Associazione, “Atleti Olimpici Azzurri d’Italia”, nella splendida isola di Burano, alla presenza di un numeroso pubblico e centinaia d’atleti oltre ai dirigenti del Coni, ha organizzato una grande manifestazione, conclusasi

Continua a leggere ...

con la premiazione di tre famosi personaggi dello sport: Livio Berruti, Gianfranco Berardi e Richard Fosbury.
L’Associazione riunisce 9.000 soci tra atleti e atlete che hanno indossato almeno una volta la maglia azzurra gareggiando nelle rappresentative nazionali delle discipline sportive riconosciute dal Coni.
I premi commissionati dall’associazione al Maestro orafo Michele Affidato , riportavano nome cognome e la motivazione della premiazione, consistenti in una targa d’argento proponente il logo dell’Associazione con la tecnica a bassorilievo.
Michele Affidato ha ricevuto, da parte del presidente Zanella, in occasione della manifestazione di Burano, un riconoscimento per la sua arte consistente in una targa in argento riproducente uno scorcio di Venezia.

Bassorilievi realizzati Per il Presidente e Tesoriere della Niaf, Washington – Fondazione Calabresi nel Mondo

L’On. Giuseppe  Galati, presidente della Fondazione dei Calabresi nel Mondo, in occasione della missione della Fondazione dei Calabresi nel Mondo a Washington

Continua a leggere ...

consegna rispettivamente al Presidente della Niaf Josef Del Raso e al Tesoriere della NIAF Gabriel Battista i bassorilievi realizzati dal maestro orafo Michele affidato.

minisep

Premio Letterario Caccuri 2012 – Premiati, Bruno Giordano Guerri, Pier Giorgio Morosini e Pino Aprile

L’edizione 2012 del Premio Letterario Caccuri, che si è svolto nella cittadina calabrese il 9 e il 10 agosto, ha visto, tra gli ospiti, nomi illustri della cultura italiana e del mondo dell’imprenditoria: dal presidente del

Continua a leggere ...

Monte dei Paschi di Siena, Alessandro Profumo, a Alessandro Laterza, titolare della omonima casa editrice, membro di Confindustria e consigliere di amministrazione della fondazione “Teatro Petruzzelli” di Bari, fino ad arrivare a Giordano Bruno Guerri, uomo di cultura e presidente del Vittoriale, che ha presieduto la giuria. A impreziosire la manifestazione, anche l’opera del maestro orafo Michele Affidato, un bassorilievo in argento, raffigurante il castello di Caccuri ed il logo della manifestazione, premio che il Prefetto di Crotone, Vincenzo Panico, insieme a Michele Affidato ha consegnato proprio al presidente di giuria Giordano Bruni Guerri. “Non posso che elogiare – ha commentato Affidato – Adolfo Barone (presidente del Premio Letterario Caccuri), Roberto De Candia, Olimpio Tallarico e tutta la sua organizzazione per l’eccellente lavoro fatto e per la riuscita di questo stupendo evento che accende i riflettori sulla nostra terra. Già dalla prima telefonata con il presidente ho intuito il suo entusiasmo e la sua caparbietà nel voler organizzare questo premio”. Barone, De Candia e Tallarico da anni, abitano lontano dalla loro Caccuri, ma sono sempre rimasti legati alla loro terra.. “Quello che più mi ha colpito – continua l’orafo crotonese – è l’amore di Adolfo Barone, Roberto De Candia e Olimpio Tallarico verso la loro Caccuri. Un amore che porta tanti nostri emigrati a sentirsi in debito con questa terra. Ed un evento così grande e così importante, nasce proprio da questo sentimento. La loro tenacia ci danno un insegnamento: qui si possono organizzare grandi eventi con poco, basta volerlo fortemente. E per  noi imprenditori, artisti che abbiamo investito in questa terra ed operiamo con lo sguardo rivolto al futuro, eventi di questo genere ci ricaricano di energia positiva, perché sono per noi “veicolo di progresso, di sviluppo e di crescita”, ma soprattutto segno tangibile dell’amore della nostra gente costretta, per lavoro, a vivere lontano da questo territorio, ma che appena può agisce e lavora per dare lustro a questa nostra meravigliosa terra”. Queste le motivazioni che hanno spinto Michele Affidato a collaborare con l’organizzazione del Premio Letterario Caccuri, “un comune a cui sono legato – conclude Affidato “Il Premio Letterario Caccuri è un atto d’amore di chi vive lontano dalla nostra terra”.

L’arte orafa del Maestro Michele Affidato alla trasmissione televisiva Geo & Geo

La Coldiretti della Calabria, continua – è il quinto appuntamento la promozione delle produzioni calabresi, dell’artigianato e del territorio con le sue risorse storico-artistiche-culturali nella trasmissione

Continua a leggere ...

televisiva Geo & Geo, condotta da Sveva Sagramola. Nella trasmissione,
si è parlato del comune di Crotone dell’arte orafa del maestro Michele Affidato e del pecorino crotonese.
Ad impreziosire la trasmissione il maestro orafo Michele Affidato con le sue creazioni uniche nel loro genere, che spaziano dall’oreficeria antica e moderna a quella dell’arte sacra. Il maestro Affidato, ha realizzato in diretta un gioiello di oreficeria antica in stile Magno Greco – Bizantino eseguendo “l’infilatura di perline in un centro collana di fattezze bizantine” una lavorazione unica in Italia.

minisep

Moda Movie 2014 – Premio a Daniela Ciancio e Dario Argento

Premiata con un’opera dell’orafo Michele Affidato la scenografa e costumista Daniela Ciancio, vincitrice del David di Donatello come miglior costumista con il film Il resto è niente, supervisore ai costumi per

Continua a leggere ...

Mission Impossible III nonché costumista del film premio Oscar La Grande Bellezza. Nella Foto Michele Affidato, Daniela Ciancio e la project manager del “Moda Movie” Paola Orrico. Sono stati premiati inoltre nella serata sempre con premi realizzati dal maestro orafo Michele affidato, Dario Argento

XVI° Premio Internazionale “Cultura e Solidarietà” A Don Cesare Oliveti, al Giudice Dr. Raffaele Lucente e all’orafo Michele Affidato

Sono stati assegnati i premi “ Cultura e Solidarietà”  promosso dalla Provincia di Crotone “Assessorato agli Affari Sociali” a Don Cesare Oliveti, al Giudice Dr. raffaele Lucente e all’orafo Michele Affidato per essersi distinti nel sociale. A premiare l’orafo crotonese è stato Sua Ecc.za

Continua a leggere ...

Mons. Andrea Mugione Vescovo della Diocesi di Crotone- S- severina.
Motivazione del premio:
Michele Affidato è un grande Maestro delle Arti che ha conquistato con le sue capacità artistiche, culturali e sociali, una forte presenza e considerazione anche in Vaticano. Una vita all’insegna di servire la Chiesa ed il Santo Padre: dalla sua operosità nascono capolavori che illuminano ambienti, luoghi sacri, residenze di prestigio, studi delle più importanti Personalità internazionali Religiose, politiche, professionali e VIP. Artista ed orafo, Maestro della migliore tradizione italiana, Michele Affidato si è formato con gli insegnamenti dei grandi Maestri, da Benvenuto Cellini a Michelangelo, facendo trasparire nelle sue opere l’intensa emozione della fede cristiana, le vibrazioni poetiche più accattivanti, la magia dell’attesa del nuovo, del bello, del fantastico. Nell’intera Comunità internazionale il Maestro Michele Affidato porta alto il nome della sua terra di Calabria: mantiene ad alto livello la tradizione culturale ed artistica che onora le antiche memorie dei fasti di Roma e della Magna Grecia.

Incontro con l’Amministrazione  Comunale di Cremona 

L’orafo crotonese Michele Affidato è stato,  protagonista di uno dei momenti più importanti della seconda edizione della manifestazione “Calabria a Cremona”, organizzata nella capitale della musica e dei liutai

Continua a leggere ...

dall’Amministrazione comunale e dall’associazione “Nexus”, nata su iniziativa di giovani professionisti della comunità calabrese che vive e opera a Cremona con l’obiettivo di mantenere vive e promuovere sul territorio le tradizioni popolari calabresi. L’iniziativa ha avuto il convinto sostegno, tra gli altri, dell’assessore alle Risorse umane del Comune di Cremona Maria Vittoria Ceraso, figlia del compianto Giuseppe Ceraso, emigrato nella città dei liutai che nei 40 anni trascorsi lontano dalla sua Calabria si è speso, specie nei suoi 25 anni da consigliere comunale, per tenere unita la comunità calabrese presente a Cremona. Proprio l’assessore Ceraso ha personalmente invitato Michele Affidato a prendere parte alla manifestazione, ritenendo la sua presenza “la più alta espressione dell’operosità, dell’arte e dell’ingegno che rende onore alla Calabria”.  “Oggi è una giornata molto importante sia per Cremona che per la comunità calabrese che risiede su questo territorio perché abbiamo avuto l’onore di ospitare Michele”, ha quindi dichiarato l’assessore Maria Vittoria Ceraso a margine dell’incontro tenutosi nella Sala consiliare del Consiglio comunale di Cremona. Profondamente emozionata nel vedere quella stessa sala piena di calabresi come suo padre – c’erano, tra gli altri, il sindaco di Cutro Salvatore Migale, il vicesindaco Saverio Vasapollo, il comandante dei vigili del comune di Crotone Dr. Tonino Ceraso e tanti calabresi residenti a Cremona – l’assessore Ceraso si è detta profondamente onorata della visita di Michele Affidato: “Ringrazio Michele per la generosità e per aver accolto il mio invito e mi auguro che per l’anno prossimo possiamo avere l’onore di ospitare un’esposizione delle sue opere qui nel Palazzo comunale”. A rendere omaggio all’orafo crotonese c’era anche il sindaco di Cremona, Oreste Perri, che dopo aver sottolineato l’importanza che la comunità calabrese riveste nella città che amministra, ha avuto un pensiero per Peppino Ceraso, che fu suo insegnante, prima di spiegare il senso dell’incontro con Michele Affidato, rappresentante delle eccellenze calabresi:” La sua arte orafa si sposa con l’artigianato d’arte cremonese: l’oro e l’argento si coniugano con i violini e gli strumenti che ci caratterizzano in tutto il mondo. Sono felice di vivere da primo cittadino questo gemellaggio tra le due realtà”. Ad omaggiare l’artista crotonese, era presente all’incontro anche il presidente degli orafi di Cremona, Fausto Casarin, che si è detto onorato di poter fare la conoscenza dell’orafo crotonese. Un’accoglienza calorosa e sentita quella ricevuta da Michele Affidato: dopo un incontro privato col sindaco Oreste Perri, l’orafo crotonese è stato accompagnato in una visita alla Cattedrale di Cremona ed al Battistero, alla bottega artigianale di un liutaio ed infine è stato condotto alla scoperta del Palazzo Comunale di Cremona, più simile ad un museo per le ricchezze che custodisce, come la collezione di antichi violini per cui la città è famosa.

minisep

Opere di Michele Affidato alla Star Gloria Gaynor

La città di Catanzaro, in questa settimana, è stata al centro dell’attenzione regionale e nazionale per la presenza della regina della discomusic, Gloria Gaynor. Un evento eccezionale, secondo a Verona,

Continua a leggere ...

solo in termini di tempo, voluto fortemente dall’Amministrazione comunale e dalla Regione, perché convinti che manifestazioni di questo tipo contribuiscono a trasferire nel mondo una immagine diversa della Calabria e della sua gente.Questa bella occasione è stata possibile grazie all’impegno del promoter della Essemmemusica, Maurizio Senese, e ad un pizzico di fortuna nel riuscire ad inserire la data nel calendario del tour mondiale della Star.Proprio per l’eccezionalità dell’evento, la manifestazione non è stata solo spettacolo musicale, che ha coinvolto giovani e meno giovani, ma anche momento di incontro con la stampa da parte dei rappresentanti delle istituzioni e degli organizzatori, per esprimere la loro soddisfazione e presentare in anteprima la “Regina”.Alla conferenza stampa, moderata dal giornalista Pantaleone Sergi, erano presenti il vice sindaco della città, Antonio Tassoni, gli organizzatori, Maurizio Senese e Antonio Tavella, oltre al dirigente del dipartimento Turismo della Regione, Tommaso Loiero. Nel rispetto dei principi dell’ospitalità, che caratterizzano i calabresi, e per immortalare il momento, alla brava cantante è stato omaggiato un bassorilievo rappresentante un tempio greco, opera del nostro conterraneo, maestro orafo Michele Affidato. Un grande evento suggellato con una grande opera, e per restare nel grande l’autore non poteva che essere l’orafo dei Papi. Il bassorilievo in argento è stato realizzato con la tecnica della cesellatura e dello sbalzo ed arricchito con l’applicazione di tre maschere apotropaiche in oro. Grande la soddisfazione per l’omaggio, più grande l’apprezzamento per la bellezza dell’opera, ma la stella dello spettacolo, Gloria Gaynor, non poteva mai immaginare che durante la manifestazione sonora potesse essere oggetto di un ulteriore omaggio e restare stupita per la sua bellezza. Quale ringraziamento, per la spettacolare serata, alla quotatissima donna della discomusic, è stata consegnata un’altra opera di Michele Affidato: un collier con ciondolo in stile bizantino, con topazio giallo, della linea predisposta ultimamente. Quanto dichiarato da Gloria Gaynor, parlando delle sue capacità canore, “il mio è un dono divino. Dio mi aiuta ed io cerco di dare sempre del mio meglio”, ci sembra la frase utilizzata dai grandi che parlano con molta modestia delle loro opere e della loro professionalità, frase molto simile a quella che spesso adopera Michele Affidato, “ringrazio la Madonna per il dono ricevuto e per l’aiuto costante che mi dà nella realizzazione dei miei gioielli”. La manifestazione musicale di Gloria Gaynor si è tramutata in un’altra serata di gloria per l’orafo crotonese, Michele Affidato, che si è aggiunta alle tante che lo hanno visto protagonista per tutta l’estate.

A Violetta il Teorema di Michele Affidato

Un gioiello creato dall’estro artistico dell’orafo Michele Affidato per fare omaggio alla star del momento: Violetta, al secolo Martina Stoessel. Un vero fenomeno la sedicenne argentina, la cantante-attrice più amata dalla ragazzine

Continua a leggere ...

che ha conquistato milioni di fans in tutto il mondo e centinaia di copertine su tutti i giornali. I suoi concerti in Italia hanno fatto registrare il sold out in tutte le tappe. Anche in quella di Napoli dove, l’orafo Michele Affidato ha avuto il piacere di incontrare Martina Stoessel per consegnarle il gioiello pensato per lei: il Teorema di Pitagora con inserite delle ametiste di colore, naturalmente, viola che è stato molto apprezzato. “Ringrazio l’amico e manager Mimmo D’Alessandro per averci ospitato nella tappa di Napoli del Tour Italiano di Violetta” ha detto Affidato che ha consegnato il gioiello alla fine del concerto al quale ha assistito insieme alla nipotina, una delle migliaia di V-lovers presenti al Palapartenope.

minisep

Anna Falchi -Testimonial delle creazioni del Maestro orafo Michele Affidato

Antico e moderno si mescolano nella nuova collezione di gioielli del maestro orafo Michele Affidato. La rivisitazione in chiave moderna dei monili del nostro passato e la lavorazione artigianale del gioiello sono i punti fermi

Continua a leggere ...

dell’arte orafa di Michele Affidato che, insieme alle figlie Vanessa ed Emanuela ed ai suoi collaboratori, ha dedicato gli ultimi mesi allo studio ed alla progettazione delle nuove linee di gioielli in oro ed in argento uniche nel design e piene di colore. Cinque le linee in fase di lancio: i bracciali ed anelli della linea “Abbraccio”, la linea “Sole”, la linea “Chloris”, ispirata alla dea dei fiori di cui fa parte anche un’originale collana che funziona da saliscendi, la linea “Aphrodite” ispirata alla dea dell’amore, la  linea “Astrea” ispirata alla dea della giustizia, ed infine la linea “Zeusi”, che si ispira al pittore greco che, secondo la leggenda, per raffigurare Elena, icona della bellezza, scelse come modelle cinque tra le più avvenenti fanciulle di Crotone, prendendo, nel suo dipinto, la parte più bella di ciascuna di esse. A caratterizzare le nuove linee in oro ed argento sono, oltre all’originalità delle creazioni, anche i prezzi accessibili che tengono conto del periodo di crisi che ha fermato il mercato in generale e soprattutto il settore dei preziosi. “Il nostro laboratorio è un’officina attrezzata fatta di persone che condividono quotidianamente idee e progetti – spiega Michele Affidato –  In questi periodi difficili bisogna investire nelle idee e nell’innovazione, puntare su prodotti originali e diversificati per incontrare il gusto degli acquirenti ed aprirsi nuovi mercati”. La crisi esiste, quindi, ma non ferma la creatività di Affidato, abituato ai sacrifici che impone in particolare la sua terra, la terra in cui ha deciso di restare. E così, mentre si lancia la nuova collezione, nel laboratorio orafo di piazza Pitagora, a Crotone, si continua a lavorare all’ultimazione di altre linee che saranno presentate nei prossimi mesi. Alle nuove linee, i cui nomi richiamano buoni sentimenti, positività e genuinità (“Abbraccio”, “Sole”), oppure sono un omaggio alle radici greche della città di Crotone (“Aphrodite”, “Chloris”, “Astrea”) e alla bellezza delle sue donne (“Zeusi”), Michele Affidato ha voluto affiancare come testimonial la bellezza e l’eleganza di Anna Falchi, che aveva già avuto modo di conoscere e con cui quest’estate l’orafo ha condiviso il “Magna Grecia Film festival” L’attrice, che in questi mesi ha più volte fatto tappa in Calabria e nella provincia di Crotone per via dei suoi impegni di lavoro, non ha mai perso l’occasione per fare visita al laboratorio orafo di Michele Affidato, ed ha accettato con entusiasmo di prestare il suo volto alla nuova collezione del maestro orafo crotonese, in quanto affascinata dal suo estro artistico e dall’originalità e dal prestigio delle sue creazioni, protagoniste negli ultimi anni di eventi nazionali ed internazionali che hanno contribuito ad accrescere la stima nei confronti dell’orafo crotonese, su tutti il Festival di Sanremo per cui ha realizzato i premi speciali delle ultime tre edizioni. Nell’ultima visita allo showroom dell’orafo crotonese, Anna Falchi ha avuto modo di prendere visione ed apprezzare le brochure ed i manifesti in cui il suo fascino e la sua eleganza sono valorizzati ed esaltati dalle nuove creazioni di Michele Affidato, un vero omaggio alla bellezza di ogni donna.

minisep

Michele Torpedine e il Volo in visita allo showroom di Affidato

“Ringrazio di vero cuore il trio dei Tenorini “Il Volo”, e l’amico Michele Torpedine che mi hanno onorato della loro visita nel mio showroom di Crotone”. Lo ha affermato il maestro orafo Michele Affidato,

Continua a leggere ...

a margine della visita ricevuta presso il suo showroom di Piazza Pitagora nel pomeriggio dal trio composto dai giovani Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble, dal produttore discografico Michele Torpedine. Stanno conquistando le platee di tutto il mondo con il loro talento e le loro indiscusse capacità vocali, i tre giovani cantanti che compongono “Il Volo”. Dopo essersi esibiti nei migliori teatri del mondo, per ultimo il Madison Square Garden. Il trio, si prepara per il prossimo tour che toccherà anche Vancouver, Los Angeles, Detroit, Chicago. Ad accompagnarli a Crotone per far visita all’amico Michele Affidato c’era anche il loro menager Michele Torpedine che, dopo aver curato gli interessi musicali di Zucchero, Andrea Bocelli, Lucio Dalla, Giorgia, attualmente è il produttore e discografico di Eros Ramazzotti e, appunto, “Il Volo”. A Michele Torpedine  “il produttore italiano che ha venduto più dischi nel mondo” in segno di stima professionale e personale ed amicizia, il maestro Affidato ha fatto omaggio di una riproduzione in argento della colonna di Capocolonna, simbolo della città di Crotone.

minisep

A Michele Affidato il Premio Eccellenza di Calabria

E’ ufficilamente annoverato tra le realtà di eccellenza della regione il maestro orafo crotonese Michele Affidato che lo scorso 6 giugno ha ricevuto il premio “Eccellenza di Calabria” dal Centro Studi Convivio

Continua a leggere ...

nell’ambito di una serata di gala ospitata dal Teatro Rendano di Cosenza. Affidato, che ha ricevuto il riconoscimento dalle mani della presidente della società “Dante Alighieri” di Cosenza, Maria Cristina Parise Martirano, è stato premiato per le creazioni artistiche con cui negli anni si è affermato a livello nazionale. Gli ultimi anni, in particolare, hanno visto l’orafo crotonese raggiungere importantissimi traguardi artistici, non solo per il successo delle sue collezioni di monili, ma anche per l’arte sacra, che lo ha condotto svariate volte davanti a Papa Giovanni Paolo II, a Papa Benedetto XVI ed a Papa Francesco, che ha già incontrato due volte, e per la realizzazione di prestigiosi premi, fra tutti quelli che negli ultimi anni hanno impreziosito il Festival di Sanremo. L’intensa attività artistica del maestro Michele Affidato non è sfuggita al Centro Studi Convivio, presieduto da Alessandro Guarascio, che lo ha inserito tra i protagonisti della XVIII edizione del premio “Eccellenza di Calabria”, destinato a calabresi che si distinguono nel loro settore, portando alto il nome della regione. Oltre ad Affidato, premiato per le creazioni artistiche, hanno ricevuto questo riconoscimento il ballerino Francesco Sardella per il teatro, Veronica Parasiliti per il canto, Alessandra Primicerio per il turismo culturale, Elio Chiappetta per lo sviluppo sostenibile, Diego Marasco per l’imprenditoria. La cerimonia di premiazione si è tenuta al culmine della serata di gala con cui si è conclusa la tre giorni del grande “Concerto di danza” organizzato, come ogni anno, dalla scuola “Pianeta danza” di Cosenza, la più antica scuola di ballo calabrese, fondata nel 1975 da Isabella Sisca. Tra gli ospiti d’onore della serata di gala, oltre alle eccellenze calabresi, il ballerino e coreografo di fama internazionale Guy De Bock e l’etoile del Teatro dell’Opera di Roma Diana Ferrara, direttrice della compagnia Aster Roma Ballet.

Premio Internazionale Sonora – Premio a Lech Majewskiper,Flemming Nordkrogper,Pasquale Catalano,Umberto ed Alessia Scipione,Fabio Liberatori, Paolo Vivaldi, Emanuele Bossi, Mokadelic, Maurizio Dupuis.

Un bassorilievo in argento raffigurante una pellicola cinematografica ed una chiave di violino in foglia d’oro è il premio realizzato dal maestro orafo crotonese Michele Affidato per la quarta edizione del premio “Sonora

Continua a leggere ...

– una musica per il cinema” che si è tenuta al teatro Rendano di Cosenza, con la direzione artistica di Giuseppe Papasso e condotto dalla giornalista del Tg1 Barbara Capponi.
A ricevere le bellissime creazioni realizzate dal maestro orafo Michele Affidato sono stati Lech Majewskiper “I colori della Passione”, Flemming Nordkrogper per “Tutti i nostri desideri” (entrambi premiati con l’Harry Warren e destinatari, rispettivamente, del premio speciale del Presidente della Repubblica e del Senato). È stato lo stesso Michele Affidato a premiare Flemming Nordkrog. Tra i premiati anche Pasquale Catalano per “Magnifica presenza”, Umberto ed Alessia Scipione per “Benvenuti al Nord”, Fabio Liberatori per “Posti in piedi in Paradiso”, Paolo Vivaldi per “L’Olimpiade nascosta” , Emanuele Bossi per “Benvenuti a Tavola”, i Mokadelic per “Abacab” e Maurizio Dupuis per il saggio “Jerry Goldsmith e la musica nel cinema americano”.
Un premio speciale è andato ad Annamaria Terremoto, caporedattore del Tgr Calabria. Presidente di giuria era il maestro Stelvio Cipriani, compositore noto per lo score di “Anonimo Veneziano”, che ha suonato in esclusiva nel suggestivo teatro Rendano le note della fiction Rai “Trilussa”. Testimonial del premio Sonora è stato l’attore Lando Buzzanca che ha esordito sul palcoscenico con una poesia dedicata alle donne. Applauditissimi Beppe Barra ed Enzo Avitabile che hanno duettato in satira napoletana. La serata è stata infine arricchita da una video intervista ad Andrea Camilleri sul suo rapporto con le colonne sonore ed il cinema.

 Roma Galleria Alberto Sordi – Premio Bellezze D’italia 2011

La Galleria Alberto Sordi di Piazza Colonna a Roma ha ospitato martedì 20 Dicembre la cerimonia di conferimento dei Premi Bellezze d’Italia 2011 un’iniziativa prodotta da Francesco Grasso per Area Manager

Continua a leggere ...

Edizioni che evidenzia le personalità italiane che si sono distinte nell’ambito del turismo, della cultura, della comunicazione, delle arti, della scienza, dell’economia e del sociale, nonché enti, istituzioni o località che abbiano promosso il bello di matrice italiana. L’evento diretto e presentato da Nino Graziano Luca si è sviluppato in maniera elegante e ritmata con delle interviste ai premiati che hanno raccontato aneddoti sulle proprie carriere conclusi dalle dichiarazioni d’amore per l’Italia. I premiati dell’edizione 2011 sono stati: il direttore di Rai 1 MAURO MAZZA, il Presidente della Fondazione Città Italia e di Mecenate 90 ALAIN ELKANN, il Presidente della Catena alberghiera Ora Hotels VINCENZO PRESTI, il regista FOLCO QUILICI per la realizzazione del documentario Il mio Lazio, la MAISON BALESTRA, il programma RAI UNOMATTINA per i 25 anni di successi ritirato da SUSANNA PETRUNI e lo stilista del marchio LEROCK LUCA BERTI. Tra gli ospiti: il notaio della RAI Luigi Pocaterra, la seconda classificata a Sanremo Giovani 2011 Micaela, la showgirl Marina Graziani, il regista della RAI Giuseppe Sciacca, il producer Jimmy Chen e la principessa Irma Capece Minutolo di Canosa. Il riconoscimento, realizzato in oro, argento e cristallo dal M° orafo Michele Affidato – noto per aver realizzato importanti premi come quelli del Festival di San Remo – è stato molto apprezzato dai premiati. Nel corso della serata i coinvolgenti Violinisti in Jeans hanno proposto i grandi classici della musica reinterpretati in chiave contemporanea.

minisep

A Michele Affidato il Premio “Il Personaggio dell’Anno 2013”

Il Maestro Michele Affidato è uno dei personaggi dell’anno 2013. Lo hanno stabilito l’Amministrazione comunale di Cerchiara, il centro casting “La Città del Sole” ed il museo Maca nel conferire all’ orafo crotonese

Continua a leggere ...

il prestigioso riconoscimento nell’ambito dell’ottava edizione del premio “Il personaggio dell’anno 2013” che si è tenuta nei giorni scorsi a Palazzo Pignatelli, nella Piana di Cerchiara di Calabria. Promosso dal sindaco di Cerchiara Antonio Carlomagno, dal presidente de “La Città del Sole” Ermanno Arcuri e dal direttore del Maca Silvio Vigliaturo, il premio è stato conferito, oltre che ad Affidato, al professore Riccardo Barberi del Dipartimento di Fisica dell’Unical, allo chef Francesco Mazzei titolare del ristorante “L’Anima” di Londra, e ad altri personaggi che si sono distinti nell’anno che si sta concludendo. “L’Alto riconoscimento per aver contribuito in modo costruttivo a far emergere l’Eccellenza Calabrese dell’Arte orafa con creazioni preziose universalmente uniche”, la motivazione che ha accompagnato il premio conferito a Michele Affidato che, nel suo intervento, ha ringraziato con parole commosse chi lo premiava: “Sono tanti i premi che realizzo per diverse manifestazioni e tanti anche quelli che ricevo. Quando, però, il riconoscimento ti arriva nella tua terra lo senti e lo vivi con grande emozione in quanto è la tua gente, la gente che ti riconosce, quella che quotidianamente vivi con il tuo lavoro”. Michele Affidato è un giovane orafo che negli anni si è fatto apprezzare per la sua professionalità e umiltà. E’ riuscito a portare la sua arte e la sua Calabria in eventi e palcoscenici importanti rappresentando quella Calabria fatte di persone che credono in questo territorio, vi sono rimaste e lavorano per uno sviluppo che tarda ad arrivare. “La nostra terra ha tante materie prime da vendere che ad oggi non siamo riusciti a far apprezzare – commenta Affidato – La nostra è una terra ricca di storia, cultura e bellezze naturali. Una regione circondata dal mare con la sua bella montagna. Quello che mi dispiace è vedere la sofferenza di tanti giovani che non trovano spazio e che purtroppo emigrano. La fuga dei cervelli non fa altro che impoverire culturalmente la nostra regione. Ci vuole il buon senso di tutti, a partire, ovviamente, dai nostri amministratori che devono indicare un indirizzo per questa terra, capire su cosa puntare. Dobbiamo tutti insieme, ciascuno nel proprio ambito e ruolo, fare ritrovare alla nostra Calabria quell’identità che nella storia ci ha sempre contraddistinti”. “Dietro ogni successo ci sono tanti sacrifici e lavoro”, prosegue il maestro Affidato: “Questo ripaga i tanti sforzi che oggi si fanno per andare avanti in un periodo dove tutto è diventato difficile. Il mio lavoro mi ha fatto vivere grandi emozioni per quello che siamo riusciti a realizzare e dimostrare. Dico siamo riusciti – precisa Affidato – perchè non è solo Michele Affidato che lavora e realizza ma ci sono anche dei validi collaboratori formati che oggi sono affiancati dalle mie figlie Vanessa ed Emanuela mi seguono nel mio lavoro”. Quello ricevuto a Cerchiara non è il primo riconoscimento che il maestro Affidato riceve dalla sua Calabria, quella terra di cui porta sempre alto il nome nel prendere parte, con la sua arte, ad importanti manifestazioni nazionali ed internazionali. Tra i precedenti riconoscimenti il premio “Eccellenze di Calabria”, ricevuto al Rendano di Cosenza, la cittadinanza onoraria ricevuta dall’Amministrazione Comunale di  Cutro, la menzione speciale da parte dell’Amministrazione Comunale di Crotone, il “Premio alla Critica”, il conferimento di socio onorario di Italia Nostra.

Menzione Speciale conferita dall’Amministrazione Comunale di Crotone al Maestro orafo Michele Affidato

Gli aveva dato appuntamento prima della sua presenza al Festival di Sanremo dove ha realizzato il premio per “Viva l’Italia nel Mondo”, il riconoscimento per la canzone italiana canzone italiana più bella e conosciuta  nel mondo.

Continua a leggere ...

Si sono ritrovati, stamattina nella sala Giunta del Comune di Crotone: il Sindaco Peppino Vallone e l’orafo crotonese Michele Affidato, autore della prestigiosa opera apprezzata anche a livello internazionale. “Confesso che quando ho sentito Gianni Morandi aprire il festival con la parola “Crotone” riferita al nostro Michele, mi sono emozionato” ha dichiarato il sindaco Peppino Vallone
“Gli avevamo augurato in bocca al lupo prima della partenza” ha aggiunto Vallone “e gli avevamo detto che lo aspettavamo al suo ritorno. Oggi è con noi per ricevere il ringraziamento della sua città”.
“Michele non si è fatto apprezzare solo a Sanremo ma con le sue opere ha conquistato importanti platee nazionali ed internazionali portando sempre nel cuore la sua Crotone. Per questo lo ringraziamo, anche per aver voluto restare nella sua città e contribuito, con la sua arte, a portare in alto il nome di Crotone” ha proseguito il Sindaco
“Per tutti questi motivi abbiamo ritenuto formalizzare, quale segno di riconoscenza dell’intera comunità, il plauso per la meritoria attività svolta da Michele con elevata professionalità”
“Grazie di cuore Michele” ha detto il Sindaco consegnando all’orafo Affidato la copia della delibera adottata dalla Giunta Comunale che prevede per lui una menzione speciale. Un provvedimento che resterà negli annali delle delibere di giunta adottate dal Comune di Crotone. Un istituto, quello della menzione speciale, voluto dall’amministrazione Vallone e che intende sottolineare l’opera meritoria di quei concittadini che si distinguono nell’ambito produttivo, sociale, del volontariato che attraverso la propria attività apportano importanti contributi allo sviluppo ed all’immagine del territorio della città di Crotone.
Molto emozionato Michele Affidato che ha voluto ringraziare il sindaco e la città: “sento che Crotone mi vuole bene. Un affetto che ricambio in ogni occasione attraverso la mia arte” Presenti con il Sindaco Vallone anche gli assessori comunali Claudio Perri, Manuela Asteriti, Anna Melillo e Piero Cotronei

minisep

Inaugurazione del nuovo showroom

Alla vigilia dei suoi 25 anni di attività, svolta con successo a partire dal 1987 prima nel laboratorio di via Torino e poi in quello di via dei Mille, l’orafo Michele Affidato raggiunge oggi una tappa importante della sua vita lavorativa ed artistica inaugurando

Continua a leggere ...

il suo nuovo showroom, che ha voluto far nascere nel cuore della sua amata Crotone, nella storica piazza Pitagora. Il maestro Affidato vuole così rafforzare il saldo legame con la sua terra che non ha mai dissolto in questo lungo percorso artistico in cui la sua capacità di sviluppare idee e forme attraverso la lavorazione artigianale dei metalli preziosi lo ha condotto ad un grande successo in campo nazionale, internazionale e presso la Santa Sede. Il percorso dell’orafo crotonese riparte da qui, dalla nuova sede, un ambiente moderno, progettato per fondersi perfettamente con il contesto della piazza dedicata a Pitagora, matematico, filosofo e legislatore greco. Nel laboratorio-gioielleria la grande razionalità degli spazi per l’accoglienza si integra con l’eleganza e l’esposizione armonica dei gioielli. Tutto è concepito per consentire alla clientela di apprezzare al meglio l’unicità delle sue creazioni proposti, dai preziosi in stile Greco-Bizantino alla gioielleria moderna realizzata in oro, argento, brillanti e pietre preziose, frutto di una antica ed accurata ricerca e lavorazione artigianale.  Il laboratorio, bottega d’arte di Michele Affidato, si arricchisce di nuovi spazi per l’innovazione e la ricerca di nuove tecniche di lavorazione, che daranno continuità alla creatività di un orafo che ha portato l’immagine di Crotone nel mondo. E sono arrivati da tutta Italia, questa sera, gli ospiti e gli amici di Michele Affidato che  hanno voluto partecipare al taglio del nastro e alla benedizione dello showroom, officiata da monsignor Domenico Graziani, vescovo di Crotone. Tra loro, per citarne alcuni: Mauro Mazza, direttore di RaiUno, e Pina Tripodi,collaboratrice del Nobel Rita Levi Montalcini che ha portato un messaggio della senatrice che cosi si è espressa nei confronti di Affidato: “Formulo i miei più vivi auguri di successo all’orafo Michele Affidato per la preziosa operativa che oggi vede la realizzazione di un maggiore ampliamento della sua attività. Ho avuto modo di apprezzare sin dal 2007  la sua splendida capacità creativa tanto raffinata quanto mai elaborata che lo elegge a grande artista orafo”, scrive Rita Levi Montalcini che prosegue sottolineando “ la dedizione dimostrata verso opere umanitarie. Tale sensibilità – continua la senatrice parlando di Affidato – si denota sia nel suo grande impegno sia nella attività lavorativa  intrapresa  che nella scelta etica della sua vita di uomo”. Presenti, ancora, l’imprenditrice veneta Concetta Dalle Vedove, la showgirl Angela Melillo, Padre Luciano Panella “Superiore Generale dell’Ordine dei Redentoristi”, il Prefetto di Crotone Dr. Vincenzo Panìco, l’assessore alle Attività Produttive della Regione Calabria Antonio Caridi, Stefano Zirilli di Coser Calabria, l’orafo Giovanbattista Spadafora e numerose altre autorità. Anche la massima autorità dello Stato, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato gli auguri a Michele Affidato tramite il Segretario Carlo Guelfi, che si è associato alle congratulazioni. Napolitano aveva avuto modo di apprezzare l’arte orafa di Affidato ricevendo al Quirinale, all’inizio dell’anno l’opera realizzata dal maestro crotonese per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia nell’ambito dell’ultima edizione del Festival di Sanremo. Diversi i telegrammi pervenuti dalle istituzioni e dal Vaticano, tra cui quello di S. Ecc.za Mons. Piero Marini presidente del Pontificio Comitato per i Congressi Eucaristici Internazionali già cerimoniere di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.

Conferimento Socio Onorario dell’Associazione Calabro Lombarda

Collaborare, rappresentare ed aiutare la Calabria operosa in Italia e nel Mondo. Questo l’obiettivo dell’Associazione Calabro Lombarda che dal 7 novembre 2014 annovera un nuovo socio onorario: Michele Affidato.

Continua a leggere ...

La nomina è stata conferita all’orafo crotonese all’interno del suo showroom di piazza Pitagora, nel centro di Crotone, alla presenza delle istituzioni e dei rappresentanti del mondo dell’imprenditoria e dell’associazionismo calabrese. “I tuoi pregi e la tua caparbietà ti hanno reso meritevole di far parte dell’Associazione Calabro Lombarda”, ha affermato Alessandro Garofalo, socio fondatore, nel consegnare la pergamena ad Affidato, cui è andato, in segno di stima da parte dell’associazione anche una riproduzione fotografica su tela del Cenacolo di Leonardo, simbolo di Milano nel mondo. Le finalità e la storia dell’associazione Calabro Lombarda, fondata nel 1984 in Lombardia dove vive una nutrita colonia di calabresi stimata in circa 2 milioni di persone, sono state illustrate da Domenico Piraina, direttore generale del Polo Museale e dei Musei Scientifici di Milano, divenuto socio onorario dell’associazione dieci anni fa, e Salvatore Tolomeo, presidente della Calabro Lombarda. Se Piraina ha fatto cenno ai progetti di riscoperta delle figure di Cicco Simonetta e Cassiodoro, Tolomeo ha riferito delle iniziative solidali con cui l’associazione si è fatta conoscere tra i lombardi e dei successi raggiunti dai calabresi al Nord. “Ovunque si sono fatti onore con sacrificio”, ha detto Tolomeo per poi annunciare il nuovo obiettivo dell’associazione: “Se noi calabresi siamo così capaci fuori perché non metterci al servizio della Calabria per dare un contributo allo sviluppo di questa terra?”. La disponibilità dell’associazione Calabro Lombarda era già stata colta da Michele Affidato nei mesi scorsi, partecipando alla festa dei calabresi organizzata a Rho dall’associazione. Questo il motivo per cui Affidato ha voluto istituzioni, imprenditori ed associazioni al suo fianco in occasione della nomina a socio onorario della Calabro Lombarda: “Vorrei che questa giornata non fosse solo vissuta con una  premiazione ma anche come momento di aggregazione tra l’associazione Calabra Lombarda, le nostre istituzioni e le associazioni – ha esordito l’orafo crotonese – Voglio condividere questo mio riconoscimento con la mia terra ed in questa occasione farmi portavoce del messaggio e della disponibilità dell’associazione Calabro Lombarda tra le istituzioni ed associazioni di categoria del territorio, al fine di creare iniziative e sinergie non solo locali ma estese anche al resto della nostra bella regione”. Elencando le tante opportunità di sviluppo che oggi si presentano al territorio – Ryanair, il turismo crocieristico, il turismo sportivo con i campionati di vela – Affidato ha auspicato che possano nascere iniziative comuni e che col contributo fattivo di tutti si possano intraprendere nuovi percorsi di crescita. Il messaggio del maestro orafo crotonese è stato accolto ed apprezzato da tutti i presenti, ed in particolare dal Prefetto di Crotone Maria Tirone, dall’arcivescovo di Crotone-Santa Severina Monsignor Domenico Graziani, dal presidente della Regione Calabria Antonella Stasi e dal sindaco di Crotone e presidente della Provincia Peppino Vallone che hanno rinnovato la stima e l’apprezzamento per i successi di Affidato e l’orgoglio di poter annoverare a Crotone ed in Calabria una realtà artistica ed imprenditoriale come la sua azienda. L’incontro è stato moderato dal conduttore Domenico Milani.

DISCORSO MICHELE AFFIDATO

Innanzitutto voglio ringraziare di vero cuore tutti i presenti. In particolare Sua Ecc.za Mons. Domenico Graziani, Sua Ecc.za il Prefetto di Crotone Dott.sa Maria Tirone, Il Sig. Sindaco  e Presidente della Provincia di Crotone Avv. Peppino Vallone, il Presidente della Regione Calabria Dott.ssa Antonella Stasi, il Presidente dell’Associazione Calabro Lombarda Salvatore Tolomeo, Il Dr. Domenico Piraina  (Direttore Generale del Polo Museale e dei Musei Scientifici di Milano), tutte le associazioni e tutti gli organi di stampa. Caro Presidente, sono veramente onorato di ricevere questo riconoscimento e di questo vi ringrazio per la considerazione verso la mia persona e la mia arte. Oggi desidero che questo riconoscimento non sia solo una premiazione ma anche un momento di aggregazione tra l’associazione Calabro Lombarda ed il nostro territorio. Ho preso in seria considerazione, Presidente,  una sua affermazione resa in occasione della festa dei calabresi in Lombardia, quando ha detto:  “la Calabro Lombarda vuole rappresentare la Calabria operosa. Noi siamo aperti e pronti a diventare l’altro pilastro della Calabria. Noi aspettiamo che i calabresi si uniscano a noi per una sinergia che possa portare sviluppo culturale, sociale ed economico”. Per questo mi sono sentito motivato a condividere questo mio riconoscimento con la mia terra ed in questa occasione farmi portavoce del messaggio e della disponibilità dell’associazione Calabro Lombarda, con la speranza che possano nascere iniziative  sinergiche con la nostra regione. Stiamo vivendo un periodo difficile di grande crisi e credo che tutti dobbiamo restare uniti ed impegnarci, ognuno nel proprio settore, per proporre progetti ed intraprendere  cammini che possano farci costruire un futuro migliore. Sono tante le iniziative attualmente in campo, come l’arrivo di Ryanair all’aeroporto di Crotone, lo sviluppo del turismo crocieristico, il nuovo ruolo del mare di Crotone nelle competizioni europee e mondiali di vela; è questa la Calabria che vogliamo. Permettetemi, quindi, di ringraziare ancora di cuore il Presidente Tolomeo, il Dr. Domenico Piraina,  il socio Alessandro Garofalo. Grazie della vostra presenza e di avermi onorato con questo  riconoscimento che conserverò gelosamente e che voglio condividere con tutti i miei collaboratori e le mie figlie Vanessa ed Emanuela che oggi condividono con me questo faticoso ma ricco di soddisfazioni percorso artistico. Ringrazio ancora voi tutti presenti e ringrazio anche la giovane ed affermata stilista di alta moda Azzurra Di Lorenzo, calabrese che vive ed opera a Milano, che con la sua presenza ha voluto dimostrare la sua vicinanza ed il suo sostegno a questa iniziativa.

PREMESSA DELL’ASSOCIAZIONE

L’Associazione Calabro Lombarda di Milano ogni 10 anni conferisce ad una personalità calabrese, “VANTO DELLA CALABRIA IN ITALIA E NEL MONDO”, la nomina di SOCIO ONORARIO.  Dieci anni fa la scelta è ricaduta sulla figura del Dott.  Domenico PIRAINA, originario di Platania. A  Milano è Direttore Generale di Palazzo Reale e dei Musei Cittadini e Responsabile Cultura del Comune di Milano. Il suo forte legame affettivo alle origini lo ha portato sempre a mettere in evidenza, unitamente alle prestigiose mostre da lui dirette a Milano, la cultura e i grandi personaggi calabresi come Mattia Preti e Mimmo Rotella. Oggi il personaggio prescelto per la prestigiosa nomina di SOCIO ONORARIO è il Maestro Orafo Michele AFFIDATO. La sua opera artistica e professionale in Italia e nel Mondo ha rinnovato nei Calabresi tutti l’orgoglio di appartenere ad una terra madre di cultura, storia, dignità e di talenti come il Maestro Affidato che diffondono ovunque la calabresità onesta, operosa e protagonista dello sviluppo socio-economico in Italia e all’Estero. Per l’alto contributo che il Maestro Affidato ha dato e darà a questi valori, arricchiti dalla sua personale umanità, l’Associazione Calabro lombarda ha deliberato di conferire la nomina di SOCIO ONORARIO. 

TESTO AL MOMENTO DELLA CONSEGNA DELLA PERGAMENA

Mastro Michele Affidato! I tuoi pregi, la tua caparbietà nel voler raggiungere obiettivi sempre più alti e prestigiosi ti ha reso meritevole di far parte della nostra Associazione Calabro Lombarda. Pertanto il Presidente Salvatore Tolomeo ed io ti nominiamo e ti nomino Socio Onorario della nostra Associazione Calabro Lombarda che si prefigge di collaborare, rappresentare e aiutare la Calabria operosa in Italia e nel mondo.

Il Presidente Salvatore Tolomeo  e il socio fondatore Alessandro Garofalo.

 

 

minisep

L’Associazione  Assud conferisce il Premio Stelle del Sud 2014 a Michele Affidato

Camigliatello Silano, Settembre 2014 – Testo del conferimento:

Continua a leggere ...

L’Associazione Assud conferisce il premio “Stelle del Sud” 2014 a Michele Affidato perchè è riuscito ad esportare la sua arte orafa in tutto il mondo diffondendo la cultura e le bellezze del meridione. Ogni sua creazione viene assemblata a mano ed è questo il motivo per cui una risulta mai uguale ad un’altra, ed i suoi gioielli sono unici e universalmente apprezzati. Da un’idea che nasce dalla sua ispirazione e da una sua intuizione alla ricerca storico-artistica si arriva alla creazione di un gioiello che racchiude in sè storia, cultura e originalità.

Cultura e impresa, ad Affidato il Premio Maratea

L’orafo premiato insieme ad Alessandro Haber, Stelvio Cipriani e Piero Angela. “Indiscusso protagonista dell’eccellenza italiana nel mondo. Le sue creazioni

Continua a leggere ...

racchiudono la grande tradizione sapienziale bizantina e magno-greca, coniugata a linee moderne dallo stile inconfondibile e unico”. Con questa motivazione il maestro orafo Michele Affidato ha ricevuto nei giorni scorsi il Premio internazionale Maratea 2014.
Il porto turistico di Maratea ha fatto da scenario alla manifestazione, ideata negli anni sessanta dal Conte Rivetti, organizzata dall’Accademia Grandi Eventi con il patrocinio del Comune di Maratea, alla quale ha preso parte anche il governatore della Basilicata Marcello Pittella. A presentare la serata è stata Barbara Capponi, giornalista e conduttrice del TG1.
Il Premio si pone l’obiettivo, come ha spiegato il sindaco della città Domenico Cipolla, di segnalare le eccellenze premiando gli autori e i protagonisti della scena nazionale che con le loro opere hanno orientato l’interesse dell’opinione pubblica verso le peculiarità più importanti del nostro tempo. Il premio ha dunque come alta motivazione quella di porre all’attenzione dei media e del panorama culturale quelle rappresentazioni espressive ed artistiche che maggiormente riescono a cogliere la complessità della società italiana contemporanea e, in particolar modo, il suo rapporto con la cultura e l’impresa.
La giuria ha assegnato, quindi, all’unanimità il Premio Maratea, nella sezione Società e Impresa 2014, al maestro orafo Michele Affidato. Tra gli altri sono stati premiati lo scrittore Maurizio De Giovanni, l’attore Alessio Boni, Piero Angela per il programma Superquark, il fotografo Domenico Notarangelo, il cantautore Nino Buonocore ed il compositore Stelvio Cipriani. Un riconoscimento alla carriera per il teatro ad Alessandro Haber.

minisep

Premio Giornalistico Pandora a Michele Affidato

Sellia Marina, 16 agosto 2014 – Nella serata dedicata alla I Edizione del Premio Giornalistico “Pandora”, organizzato dalla testata giornalistica Info Oggi, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Sellia Marina

Continua a leggere ...

è stato conferito un riconoscimento alle eccellenze del Territorio, e in quest’ottica non poteva non ricevere il Premio un maestro dell’arte orafa, preziosa e antica quanto l’uomo. La Calabria, si sa, è terra di arte, terra di conquista e perciò di incontro delle più variegate culture, ognuna delle quali ha lasciato agli abitanti di questa regione un pizzico della propria tradizione artistica, del proprio culto del bello. Sarà stata questione di genetica, o forse il vivere e crescere in questo aspro, ma artisticamente ricco territorio, sicuramente, però, uno dei più grandi maestri orafi non poteva non nascere in una delle più floride colonie della Magna Grecia. Proprio qui, a Crotone, nasce Michele Affidato, rinomato cultore dell’arte orafa. La vita di Michele è forse un esempio per tutti: riesce a fare della sua passione, coltivata fin da bambino, un lavoro, e soprattutto un’arte. Dal 1987, anno in cui avvia la sua bottega orafa nella città pitagorica, il Maestro di strada ne ha fatta. Il sogno è diventato realtà. La sua arte esce dalla bottega e arriva ad essere apprezzata non solo in Italia, ma in tutto il Mondo. La passione e la competenza, fanno sì che i gioielli di Affidato non siano solo oggetti di sfarzo: ora hanno un’anima ricca dello stile classico magnogreco e della cultura bizantina, che si intrecciano alla nuova gioielleria contemporanea. Tutto ciò crea un connubio di linee antiche e moderne, con uno sguardo attento alla moda: dà vita a quelle che possono essere considerate vere e proprie opere d’arte, nascenti in laboratori all’avanguardia ma rigorosamente seguendo lavorazioni artigianali. Nel corso della sua esperienza, Affidato rimane affascinato dall’arte sacra, a cui dedica particolare attenzione, la studia, ne apprende significati e valore. ”Ogni opera d’arte sacra nasce da uno studio approfondito, attraverso ciascuna di esse siamo chiamati a raccontare la storia di un territorio, di un culto, di una devozione, di un momento storico ben preciso” dirà Affidato, svelando forse il segreto con cui riesce a diventare uno degli orafi più vicino alla Chiesa, creando capolavori per Diocesi e luoghi sacri. Viene ricevuto da Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco, crea opere per le più grandi autorità Ecclesiastiche, dai Cardinali Bagnasco e Ruini fino al Patriarca di Constantinopoli Bartolomeo I. L’arte di Affidato è, però, arte universale, raccoglie il bello del sacro ma anche del profano. Consegna opere a personaggi illustri come Rita Levi Montalcini, Carlo Azeglio Ciampi, il Principe Alberto di Monaco, Umberto Veronesi e Anna Foa. La sua originalità e il suo modo di intendere il bello lo portano a creare premi speciali per eventi nazionali e internazionali, come quelli consegnati negli ultimi 5 anni al Festival della Canzone Italiana di Sanremo, il Premio Montecarlo e il Premio Venere Capitolina. Proprio per la sua passione, il suo impegno, il suo lavoro, InfoOggi ha voluto consegnargli il Premio “Pandora”, riconoscimento ai sacrifici che l’hanno portato al successo e premio per una delle eccellenze che la Calabria tutta può vantare nel Mondo.
Motivazione del Premio: “La creazione e l’estro di Michele Affidato plasmano la materia in chiave moderna, rimandandoci all’antico splendore dell’arte orafa che riecheggia rinnovata sulla storia della nostra terra”

Premio Bellezze D’italia “Gran Gala Premiere”

L’orafo  Michele Affidato tra gli ospiti d’onore del “Gran Gala Premiere”, la serata di gala delle arti del cinema e della moda, della Capitale. La serata del premio “Bellezze d’Italia”, considerata,

Continua a leggere ...

ormai da tutti, la  serata per eccellenza, nel panorama culturale della capitale, promossa dall’Associazione Nazionale Bellezze d’Italia, presieduta da Francesco Grasso, presentata da Nino Luca Graziano, direttore artistico della manifestazione. La manifestazione che prevede la consegna di riconoscimenti a personaggi del giornalismo, della cultura, del cinema, delle arti e della moda e di quanti hanno meglio rappresentano il Made in Italy nel mondo. Nelle varie edizioni sono state premiate con un bassorilievo in argento le giornaliste Adriana Pannitteri (TG1), Maria Concetta Mattei (TG2) e Stefania Giacomini TGR RAI 3. il notaio Luigi Pocaterra (famoso notaio delle trasmissioni RAI) , l’ambasciatore d’Austria Christian Berlakovits accompagnato dal vicepresidente di Alta Roma, Valeria Mangani, l’attrice Eva Henger, la grande Miranda Martino Tra i numerosi ospiti erano presenti anche gli stilisti Alviero Martini, Chiara Boni, Renato Balestra, Tilù e Laura Pieralisi.

Premio Internazionale Kouros 2014, Villa Dino, Appia Antica, Roma

Un’atmosfera suggestiva ha fatto da contorno, lo scorso 16 luglio all’edizione 2014 del Premio internazionale Kouros, promosso a Roma dall’Istituto europeo di cultura politica Italide

Continua a leggere ...

e dalla Fondazione Cre,con l’alto patrocinio del Ministero dei beni culturali. L’evento, che ha inteso celebrare l’Italia, i suoi meriti ed i suoi talenti, ha avuto come cornice la splendida Villa Dino, adagiata sul parco archeologico dell’Appia Antica in cui sorgono la tomba di Seneca ed il colonnato romano. Ad impreziosire il prestigioso appuntamento sono state le creazioni del maestro orafo crotonese Michele Affidato, assegnate alle migliori rappresentanze dell’Italia di successo. Il premio realizzato dal maestro Affidato è andato, tra gli altri, al ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ha aperto la cerimonia presentata dai giornalisti Michele Cucuzza e Camilla Nata ed allietata dalle musiche del maestro Alberto Laurenti e della sua band. I riconoscimenti, hanno spiegato Antonella Freno, presidente del premio Kouros e dell’istituto Italide, e Domenico Naccari, presidente della Fondazione Cre, sono andati a personalità che coniugando impegno e talento, bellezza e semplicità, valori e passione, hanno promosso e promuovono, nel quotidiano, condizioni di eccellenza culturale, umana e professionale, evidenziando ed esaltando il ruolo strategico del Mediterraneo in Europa e contribuendo a costruire la via del progresso e della coesione sociale, dell’innovazione e della pace. Il maestro Michele Affidato ha personalmente consegnato la sua creazione a padre Giulio Cipollone, docente di storia medievale alla Pontificia Università Gregoriana, per la sezione scienze religiose. Nella sezione diplomazia internazionale, invece, il premio Kouros è andato a Daria Pesce, console onorario del Portogallo,ed ad Hassan Abouyoub, ambasciatore del Marocco in Italia. Per la giustizia sono stati premiati Alberto Liguori, componente del Consiglio Superiore della Magistratura, e Cosimo Ferri, sottosegretario alla Giustizia. Nella sezione giornalismo, i premi realizzati da Michele Affidato sono stati consegnati al presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti Enzo Iacopino, ed al vicedirettore del Tg1 Susanna Petruni, mentre per la comunicazione sono stati premiati Rosanna Mani, di Sorrisi e Canzoni Tv, e l’annunciatrice Rai Claudia Andreatti. Un premio speciale è andato poi all’attore Giorgio Marchesi per la sezione teatro, cinema e televisione. Nella sezione management il premio Kouros è stato conferito a Gianluca Oricchio, direttore generale del Campus Biomedico Roma, mentre nel settore economia è stato premiato Beniamino Quintieri, presidente della fondazione Manlio Masi. Per la medicina sono stati premiati Eugenio Gaudio, presidente della Conferenza presidi facoltà di Medicina italiane, ed Andrea Frustaci, del dipartimento di Scienze cardiovascolari dell’Università La Sapienza. Per la sezione impegno sociale e prevenzione, il premio di Affidato è andato a Francesco Schittulli, presidente nazionale della Lega italiana per la lotta contro i tumori, ed ad Anna Caparra, dell’Università La Sapienza. La Nazionale Calcio Attori è stata poi premiata nella sezione sport, mentre per lo spettacolo il premio è andato all’attrice Alessandra Barzaghi. Marvi De Angelis, responsabile dello studio Marver è stata premiata per la moda, mentre al regista Sebastiano Rizzo è andato il premio per cultura e legalità. Gianluca Giovannucci, presidente dell’Euca, è stato premiato nella sezione istruzione. Il  premio alla memoria di  Mario Stancati, sindaco di Cosenza negli anni Sessanta, scomparso nelle scorse settimane, ha destato, infine, sincera e profonda commozione tra i presenti. “E’ un onore per me – commenta Michele Affidato – aver preso parte con la mia arte orafa a questa prestigiosa edizione del Premio Kouros. La cerimonia è stata un inno all’Italia che lavora e che si distingue in tutti i settori e sono stato orgoglioso di rappresentare, con le mie creazioni, la mia Crotone e la mia Calabria davanti a personalità prestigiose, come il ministro Lorenzin, accanto alla quale ho avuto il piacere di sedere durante la manifestazione”.